Il cibo è da sempre un soggetto della nostra routine quotidiana e oggi, complici sicuramente i social media, sono sempre di più le persone che dedicano tanta attenzione a come fotografarlo per realizzare la perfetta fotografia di cibo. Mangiare non è più considerata esclusivamente una necessità fisiologica o puramente edonistica, ma sta divenendo anche una fonte di ispirazione artistica.

Qualche suggerimento per chi vuole cimentarsi in questa gustosissima tipologia di fotografia.

1. Quale storia vi piacerebbe raccontare?

Prima di iniziare con la fotografia di cibo, prima di tutto, è necessario pensare ad un “piano editoriale” e questo inizia, solitamente, ponendosi alcune domande.

(ovviamente se c’è un committente il briefing verrà fatto assieme al fotografo)

  • quale tipologia di cibo vi interessa fotografare?
  • che sensazioni volete trasmettere?

Chi pratica la fotografia di cibo, soprattutto se si tratta di un professionista, ha necessità di suscitare determinate sensazioni nei fruitori delle proprie fotografie.

Per alcune foto l’intento è quello di trasmettere un senso di freschezza e naturalezza,

fotografia di cibo pizza margherita con stracciatella di bufala

ad altre spetta il compito di mostrare il calore casalingo legato al momento del consumo del cibo magari appena cucinato,

fotografia di cibo food photography crostata ai mirtilli con grao saraceno

ad alcune invece viene chiesto di mostrare la raffinatezza e l’eleganza di un piatto di alta cucina.

fotografia di cibo Carne arrosto e mele

Nella fotografia di cibo nulla deve essere lasciato al caso quindi, ecco perché prima di scattare, è necessario fare in modo di avere una idea di partenza davvero molto chiara.

2. Provare ok, ma prima, durante e dopo: documentatevi!

Nella fotografia, di qualunque genere si tratti quindi anche nella fotografia di cibo, è importante documentarsi moltissimo.

Trovo sia corretto prendere ispirazione da fotografi che si ritiene abbiano uno stile in linea con i tempi e con le esigenze del cliente, per proporre qualcosa di accattivante e moderno. (attenzione, ispirarsi ad altri può far bene, ma è fondamentale creare e mantenere un proprio stile).

Si devono quindi leggere riviste sulla fotografia di cibo, ci si deve documentare sui blog dedicati tutto questo dedicando il giusto tempo anche alla pratica. (ve ne sono davvero moltissimi, adatti ad ogni tipologia di fotografia di cibo)

3. Studiare le inquadrature

Stabilito il soggetto da fotografare , e prima di creare il set vero e proprio, è importante scegliere l’inquadratura migliore per il soggetto scelto.

come scattare correttamente la fotografia di cibo e soprattutto che angolazione scegliere?

Dal mio punto di vista le inquadrature ideali per fotografare un piatto si dividono solamente in due tipologie.

La scelta sarà guidata anche dallo scopo ultimo di queste fotografie (web e stampa, ad esempio, hanno necessità differenti, così come il packaging):

prima possibilità

  • fra 0° e 45°, questa angolazione pone l’osservatore davanti alla pietanza come se stesse davvero per mangiarla (e guarda caso l’intenzione del fotografo di cibo, sovente, è proprio questa). Potrete inoltre fotografare la porzione dell’immagine che rende meglio le sensazioni che vi interessa suscitare. E’ possibile avere più o meno focus sul prodotto, oppure costruire un’inquadratura più larga che, assieme ai props, contribuirà a creare l’atmosfera cercata.
fotografia di cibo club sandwich e patatine al cartoccio

seconda possibilità

  • a 90° (zenitale), questa inquadratura è necessaria a volte per esaltare le texture del soggetto o dell’impiattamento stesso, a volte per far si che non vi sia nulla che possa distrarre chi sta osservando la fotografia dal soggetto stesso. Potrà essere arricchita da pochi elementi di contorno, ma in questo caso la pietanza, il dolce o qualsiasi soggetto abbiate scelto, sarà l’assoluto protagonista.
fotografia di cibo giorgio baruffi food photographer
fotografia di cibo Cucina molecolare insalata e vegetali

…e se siete ristoratori o avete un’azienda legata al mondo del cibo e del vino ed avete necessità di fotografia di cibo o dei vostri piatti/prodotti, contattatemi, sarà mio piacere scambiare quattro chiacchiere con voi!

Spero di avervi passato qualche informazione utile sulla fotografia di cibo, a presto la seconda parte di questo articolo, buona luce, ma anche buon appetito!